INDIA: ATTACCO NAXALITA

Sarebbero una cinquantina le vittime dell’attentato che ieri è stato realizzato nello Stato indiano del Chhattisgarh, teatro del conflitto tra il Governo indiano e le popolazioni native “adivasi” facenti parte dei “naxaliti” movimento  di ispirazione maoista. Le agenzie di stampa hanno diffuso la notizia che ieri alle 16 ora locale, al passaggio di un autobus  con più di cinquanta passeggeri a bordo è stata fatta esplodere una bomba posta sotto il veicolo che  stato distrutto. Tra i passeggeri secondo fonti governative vi sarebbero 15 membri delle forze speciali di polizia (SPO) che fanno parte delle migliaia di militari e poliziotti inviati nello stato Chhattisgarh per sedare la rivolta del movimento naxalita.  Il governo indiano ha messo in atto una politica di terra bruciata, a partire dalla primavera dello scorso anno, nelle aree dove è presente il movimento naxalita attraverso l’operazione denominata “caccia verde” che viene supportata dalle milizie paramilitari Salwa Judum. Decine le vittime e le espulsioni forzate che hanno provocato l’esodo di 300.000 persone. L’attentato di ieri è stato effettuato poche settimane dopo un’altra azione contro un distaccamento di polizia sempre nel distretto di Dantewada. In quell’occasione morirono 76 poliziotti.


Related Articles

Turkey killed 8 children in Til Rifat

Turkish invasion forces have targeted civilians in Til Rifat town of the Shehba Canton today. The attack killed 10 people,

NAXALITI PROPONGONO DIALOGO

Gara. Il leader del Partito Comunista dell’India (maoista) Mallojula Koteswara Rao, alias Kishenji, ha menzionato un possibile alto al fuoco

Language of struggle and atrocity

The reality of the Kurdish slogan “?ehid Namirin”, which means “Martyrs are immortal” is the reality of Kurdish people who do not hesitate to sacrifice their own lives for their people

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment