PAESE BASCO: SCIOPERO NEL SETTORE PUBBLICO

Soddisfatti i sindacati baschi per lo sciopero generale nel settore pubblico, indetto per protestare contro le misure anticrisi approvate dal Governo spagnolo di Zapatero, che ieri ha  riguardato la Comunità Autonoma Basca (CAV) e la Navarra. Di diverso avviso le amministrazioni autonome che attraverso i rispettivi governi, PSE, PP nella CAV e UPN in Navarra hanno sostenuto lo scarso esisto della mobilitazione. Per la maggioranza sindacale basca ELA, LAB, ESK y STEE-EILAS, lo sciopero ha avuto una incidenza notevole nelle amministrazioni pubbliche locali e provinciali arrivando ad un 75% nei grandi capoluoghi. I 60% dei funzionari del municipio di Vitoria Gasteiz si sarebbero astenuti dal lavoro, il 70% in quello di San Sebastian e l’80% in quello di Bilbao. Dei lavoratori delle province (Diputaciones) invece  sarebbero stati un 55% di media quelli astenuti dal lavoro. Stessa percentuale nel personale della amministrazione autonoma. Nella scuola la percentuale di adesione allo sciopero è stata , secondi i sindacati, del 75% ed in particolare del 50% nelle università: in Navarra lo sciopero ha avuto meno esisto con particolare incidenza nella amministrazione autonoma della Navarra. Le mobilitazioni svoltesi ieri in diverse località del Paese basco hanno portato in piazza circa 17 mila persone. La responsabile della funzione pubblica  del sindacato LAB, Arantxa Sarasola e quella del sindacato ELA, Izaskun Garikano, concordano nell’affermare che “i paesi europei che meglio stanno sopportando le conseguenze della crisi sono quelli che spendono di più in prestazioni sociali e dove ci sono servizi pubblici più avanzati e radicati”. Per le esponenti dei sindacati baschi sia nello Stato spagnolo che nelle amministrazioni autonome basche la ricetta è opposta: “vengono tagliati i già precari, rispetto ad altri paesi europei,  servizi pubblici e le prestazioni sociali”. Tra le richieste avanzate dalla maggioranza sindacale basca c’è la lotta alla evasione e l’aumento delle imposte sui redditi più alti. Nonostante Zapatero abbia annunciato oggi che tra pochi giorni verranno presentate proposte in tal senso,, sia il presidente della CAV , Patxi Lopez (PSE) sia il Deputato Generale della provincia di Guipuzkoa Markel Olano (PNV), hanno glissato sulla questione. Lopez adducendo che queste misure potrebbero allontanare gli investimenti nelle province basche, mentre Olano asserendo che le Diputaciones della CAV hanno un sistema impositivo progressivo migliore di quello spagnolo e che quindi non necessita un adeguamento in tal senso. I sindacati baschi da parte loro sostengono che per la specifica politica fiscale della CAV la tassazione sulle imprese è molto al di sotto della media europea.


Related Articles

SORTU IRROMPE NELLO SCENARIO POLITICO BASCO

Oscurato dall’ondata (improvvisa?) di rivolte popolari nel Magreb e mondo arabo il processo politico basco continua sulla difficile strada della democrazia, una democrazia politica ancora da costruire. Sortu, la nuova formazione politica nata dal dibattito interno alla sinistra indipendentista basca è una dimostrazione di forza. La forza di accettare un terreno, quello imposto dalla legge spagnola sui partiti del 2002, che con l’avvallo del Tribunale Per i Diritti Umani di Strasburgo conferma come le politiche securitarie che dominano l’azione degli Stati nel mondo, abbiano condizionato la giurisprudenza spostando l’ago della bilancia verso un arretramento nelle conquiste dei diritti civili che faticosamente erano state raggiunte dopo decenni di battaglie in Europa. Sortu è di fatto la dimostrazione che sul terreno politico la sinistra indipendentista è pronta a lanciare la sfida democratica del confronto tra diverse, e in alcuni aspetti antagoniste, opzioni politiche. Lo fa assumendo il “rifiuto di qualsiasi forma di violenza a sostegno di un progetto politico, inclusa quella di ETA”. Una dichiarazione contenuta nei suoi statuti che è unica nel suo genere. Nessuna forza politica si è assunta questa responsabilità di dichiarare formalmente questa considerazione della violenza politica. Cosa impossibile del resto. PSOE e PP con il loro bagaglio di “violenza per imporre le proprie opzioni politiche”  passate e presenti GAL e franchismo, Iraq, Afganistan tanto per citarne alcune non possono permettersi di sostenere quanto la sinistra indipendentista basca ha fatto.

CONSEGUENZE MORTALI A FALLUJAH

PeaceNow. In un reportage dall’Iraq, il periodico londinese The Indipendent rivela che una inchiesta medica riscontrò drastici aumenti nella mortalità

Informe del Primer Ministro británico sobre Siria: una necesaria clarificación

Hace unos días, el Primer Ministro David Cameron llamó a los miembros del parlamento británico a votar en favor de una extensión de operaciones en Siria por parte de la Royal Air Force

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment