LA MILITARIZZAZIONE DELLE “BANLIEUES”.

Gara. Non c’è dubbio che Nicolas Sarkozy non è una persona con grande sensibilità sociale. Però gli ultimi avvenimenti stanno dimostrando, inoltre, al sua negligenza per affrontare uno dei più gravi problemi strutturali che ha lo Stato francese: le grandi sacche di emarginazione generate da un sistema politico e sociale che assume la disuguaglianza come qualcosa di endemico. Una realtà che lo Stato francese cerca di nascondere nella periferia delle città e che, quando appare, cerca di zittire con minacce, colpi ed anche spari. Una esclusione che, inoltre, ha una forte componente razzista, in quanto riguarda le etnie più sfavorite dentro l’esagono, come sono i magrebini e i gitani.

I fatti di Grenoble e Saint-Aignan dello scorso fine settimana, nei quali a causa della morte di due giovani per colpi d’arma da fuoco della polizia si è scatenata una reazione violenta nelle loro banlieues, ha mostrato che questo fenomeno non diminuisce. E’ anche significativo che, come avvenne nelle prime rivolte a Parigi, sono stati due casi di violenza poliziesca che sono serviti come detonante di questa situazione.

La posizione dello Stato francese, che in questa occasione ha inviato l’esercito per controllare le rivolte, mostra la peggiore delle approssimazioni possibili a un conflitto che ha profonde radici politiche e sociali. L’Esecutivo di Sarkozy pretende affrontarlo come se si trattasse di un problema che coniuga elementi di criminalità organizzata con spontanei ed irrazionali attacchi di rabbia antisociale. Niente di più lontano dalla realtà. L’esclusione che subiscono gli abitanti di questi quartieri, che sono una percentuale importante degli abitanti dello Stato, conseguenza diretta delle politiche disegnate dai successivi governi francesi. L’unico modo di cambiare la realtà è invertire questa politica, non insistere con essa. Militarizzare questi conflitti può dare luogo ad altri molto peggiori.

FONTE: http://www.gara.net/paperezkoa/20100720/211024/es/La-militarizacion-banlieues-otro-error


Related Articles

Arundhati Roy: ‘They are trying to keep me destabilised’

From The Guardian – The Booker prize-winning novelist on her political activism in India, why she no longer condemns violent

History destroyed in Sur: Concrete houses are sold for 1 million TL

Six neighbourhoods of the borough of Sur in Diyarbakır (Amed) have been banned for 5 years. Six neighbourhoods surrounded by concrete blocks first and then by 3 meters long iron sheets have been banned for 1,826 days.

DIRIGENTI BASCHI RINVIATI A GIUDIZIO

Arnaldo Otegi, Rafa Díez, Sonia Jacinto, Arkaitz Rodríguez, Miren Zabaleta, Amaia Esnal, Txelui Moreno y Mañel Serra esponenti della sinistra

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment