MADRID ORDINA, ROMA UBBIDISCE: ESTRADATI ZURINE, ARTZAI E FERMIN – Marco Santopadre

Madrid, come ha ricordato lo stesso Lupacchini durante la sua “requisitoria” in Corte d’Appello e come avevano fatto più volte gli avvocati difensori D’Addabbo e Antetomaso, considera di natura criminale comportamenti schiettamente politici: manifestazioni, assemblee, conferenze stampa, attività di quartiere o di controinformazione nelle scuole e nelle università? Secondo l’assurdo e persecutorio teorema coniato dal Giudice Garzon ed applicato scientificamente dai suoi colleghi dell’Audiencia Nacional con il placet dei governi di destra e centrosinistra – quel “tutto è Eta” che ha portato nelle carceri migliaia di attivisti politici, giornalisti, sindacalisti, femministe, ecologisti, intellettuali – Zurine, Artzai e Fermin sono colpevoli. Sono così colpevoli che potrebbero essere condannati a pene tra i 6 e i 12 anni di carcere.

Hanno provato a spiegarlo ai media italiani in più occasioni gli avvocati dell’Associazione Giuristi Democratici, le reti di solidarietà, qualche attivista che da anni segue la questione basca. Ricevendo scarsa attenzione anche da quei quotidiani che riempiono le proprie pagine di diritti umani e battaglie di civiltà, a condizione che riguardino popoli lontani migliaia di chilometri dalla vecchia Europa o meglio ancora minoranze oppresse da Stati contro i quali la Nato o l’Unione Europea hanno già scatenato le loro campagne di criminalizzazione mediatica.

”Gli elementi a carico dei tre giovani, cui si contesta la partecipazione ad una organizzazione terroristica sono scarni: le attività dimostrative svolte testimoniano una militanza politica, non sovversiva” aveva ribadito ieri Maria Luisa D’Addabbo durante la conferenza stampa convocata in una sala del Senato durante la quale era stato illustrato il contenuto di un appello in cui esponenti politici di tutti i partiti della sinistra e del centrosinistra, giornalisti di varie testate e giuristi chiedevano che l’Italia dicesse no a Madrid. ”Non stiamo parlando di fenomeni terroristici ” aveva aggiunto Giovanni Russo Spena della Federazione della Sinistra – ma di lotta di popolo. Il caso apre un dibattito sullo spazio giuridico europeo che non può essere solo in funzione repressiva, ma deve garantire diritti. Come da ricorso del Pg la sentenza della corte d’appello viola la libertà di riunione e di espressione”. “Tenuto conto delle numerose denunce sulla violazione dei diritti dei detenuti baschi in Spagna, sulla violazione dei diritti democratici, civili e politici da parte delle autorità spagnole (…), e della evidente inconsistenza delle accuse, confidiamo, in ossequio ai principi costituzionali posti a tutela delle fondamentali libertà di espressione e di manifestazione del pensiero, che la consegna dei tre giovani venga rigettata e che venga loro restituita la libertà” recitava l’appello.

Ma non c’è stato nulla da fare: i giudici di Cassazione non hanno ritenuto opportuno soppesare con la dovuta attenzione tutti quegli elementi di arbitrarietà nella richiesta di consegna avanzata da Madrid che pure erano stati evidenziati dallo stesso Lupacchini. O, più semplicemente, non se la sono sentita di creare un caso, un precedente negativo, nelle relazioni tra Roma e Madrid. D?altronde oggi in aula durante il dibattimento spiccava la presenza di un rappresentante spagnolo. Si trattava del magistrato Jesus Santos, che ha potuto assistere al dibattimento nonostante questo fosse a porte chiuse. “L’argomentazione giuridica orale e scritta è stata fantastica. Nessuno ora potrà mettere in discussione il carattere terroristico di Segi, né la difesa, né il magistrato” ha dichiarato Santos alla stampa iberica a proposito della requisitoria dell’accusa rappresentata oggi da Eugenio Selvaggi.

Nei mesi scorsi in più occasioni il personale diplomatico iberico era intervenuto presso le autorità italiane per sollecitare una rapida consegna dei tre giovani. Non sono neanche mancati gli sgarbi e le insolenze dei giudici di Madrid nei confronti della magistratura italiana: come quando in una lettera di accompagnamento alla sentenza che mette fuori legge Segi – l’organizzazione giovanile alla quale sono accusati di appartenere i ventenni – un giudice dell’Audiencia Nacional invitava i colleghi italiani a non impicciarsi troppo e a fidarsi… Un atteggiamento al limite dell’intimidazione – documenti inviati in originale e non tradotti e fuori dai termini stabiliti – che però non ha infastidito più di tanto gli accondiscendenti magistrati italiani.

Che sia un paese come la Spagna a violare sistematicamente i diritti umani e politici di un intero popolo importa poco ai progressisti distratti e per niente a chi crede che lo status quo in Europa sia il migliore di quelli possibili.

Entro i prossimi dieci giorni Zurine, Fermin e Artzai, dalla carceri di Rebibbia e di Terni, verranno  spediti a Madrid, che provvederà immediatamente a rinchiuderli in prigioni le più lontane possibili dal Paese Basco. Di modo che la loro pena diventi anche quella dei loro genitori, dei loro parenti e dei loro amici. Con buona pace della giustizia. L’opinione pubblica italiana potrà continuare a dormire tranquilla, ignara dell’ennesima ingiustizia consumata negli stanzoni del Palazzaccio.


Related Articles

HDK pays tribute to writer Yaşar Kemal

Peoples’ Democratic Congress (HDK) Culture and Art Commission commemorated world-renowned writer Yaşar Kemal, who died on 28 February 2015.

TORTURA

Il 14 settembre scorso vennero arrestate nel Paese basco, in una operazione diretta dal giudice dell’ Audiencia Nacional Grande Marlasca,

Don’t wander around these mountains, gazelle

Don’t wander around these mountains, gazelle
S?rr? Süreyya Önder
First article by “Labor, Democracy and Freedom Block” Istanbul independent candidate (originally published in Özgür Gündem daily)

In the old days, the forests of Kand?ra region were known for their deers.
As time went by not a single deer was left in the forests because of hunting on one side and the destruction of the ecosystem on the other side.
About two years ago, the Directorate of Nature Conservation and National Parks sent a doe and a buck into the forest.
The people of the region, after many years, took the deers they found, under protection almost feeding them by hand.
A baby gazelle was born too.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment