8 GENNAIO 2011 MANIFESTAZIONE A BILBAO PER RECLAMARE LA FINE DELLA ATTUALE POLITICA PENITENZIARIA.

Alla società basca, facciamo un passo in avanti!

Siamo abitanti e amici del Paesi Baschi. Un popolo che si è raffinato  nel corso dei secoli attraverso la dignità, il compromesso, la solidarietà e, purtroppo, anche attraverso le sofferenze. Il nostro è un popolo che brama di conoscere una nuova tappa che apra le porte a un futuro migliore. Tuttavia, fino ad oggi, ci fa male al cuore comprovare come le prigioniere e i prigionieri politici baschi soffrono una violazione costante di diritti. La società basca, e una moltitudine di organismi internazionali, hanno rifiutato più volte una politica penitenziaria che ha come base la crudeltà. Giocano con i diritti delle e dei prigionieri politici baschi. Unicamente in questo modo si può capire come gli Stati spagnolo e francese, attuano la dispersione; mantengono incarcerati i prigionieri e le prigioniere con malattie gravi e incurabili; applicano di fatto l’ergastolo; non liberano coloro che hanno compiuto i ¾ della propria condanna; l’isolamento; il trattamento umiliante per le visite faccia a faccia la criminalizzazione della solidarietà e molte altre misure. Un sistema penitenziario disegnato espressamente per le e i prigionieri politici baschi. Cercano di distruggerli per così colpire  in pieno tutta la società. Un cammino per il quale, come ha chiaro la maggioranza della società basca,  è impossibile portare questo popolo in uno scenario dove tutti i diritti siano rispettati. Per questo abbiamo deciso di dire basta. Crediamo che i Paesi Baschi si trovino alle porte di un nuovo ciclo. Pertanto, quello che prima era urgente, ora lo è ancora di più: è imprescindibile porre fine  alla situazione che soffrono le e i prigionieri politici baschi. Bisogna porre fine alla dispersione, i e le prigioniere politiche basche con malattie gravi e incurabili devono essere posti in libertà; l’applicazione di fatto dell’ergastolo deve essere annullato e bisogna porre fine alle numerose violazioni di diritti che si producono dentro le prigioni. Continueremo a reclamare che la politica penitenziaria che ogni giorno introduce impunemente le e i prigionieri politici baschi, i loro famigliari, amici e amiche, in una crudele roulette russa, deve scomparire. Non chiediamo altra cosa che i diritti più elementari di qualsiasi democrazia. Misure che darebbero ossigeno a una nuova tappa di pace e giustizia. In caso contrario, negherebbe questo ossigeno a questa nuova tappa. Con la speranza che sia l’ultima occasione, ricerchiamo ulteriormente l’impegno della società basca. Chiediamo aiuto per porre fine alla crudele politica penitenziaria vigente. Perché è nelle mani di tutte e tutti che questa situazione giunga alla fine. Perché difendere i diritti delle e dei prigionieri politici baschi significa difendere anche i diritti di tutti e tutte le cittadine. Affinché la fine della politica penitenziaria porti con sé una nuova tappa. Perché questo popolo vuole lasciarsi alle spalle la sofferenza e fare un passo avanti. Per tutto ciò e molto altro, facciamo appello a partecipare alla manifestazione nazionale che il prossimo 8 gennaio percorrerà le strade di Bilbao con il lemma “Euskal Presoak Euskal Herrira eskubide guztien jabe, EGIN DEZAGUN URRATSA” (Le e i prigionieri politici baschi nei Paesi Baschi padroni di tutti i diritti, FACCIAMO UN PASSO IN AVANTI).

PER LE ADESIONI A QUESTO APPELLO www.egindezagunurratsa.info


Related Articles

EU says “hate speech” by high-level Turkish officials against LGBTI “unacceptable”

Lead Spokesperson for Foreign Affairs and Security Policy Peter Stano expressed concern over Boğaziçi university and said that “hate speech displayed by high-level officials against LGBTI students and the closing of a LGBTI association is unacceptable.”

HONDURAS: OMICIDIO CONTRO L’OPPOSIZIONE

di Giorgio Trucchi. Il 24 febbraio, poco dopo mezzogiorno, nella città di San Pedro Sula, qualcuno ha bussato alla porta

DECINE DI MIGLIAIA PER LA LEGALIZZAZIONE DI SORTU NELLE STRADE DI BILBAO (VIDEO)

Ancora un volta decine di migliaia di persone hanno invaso le strade di Bilbao per “gridare in silenzio” la voglia

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment