IL PKK NEGA OGNI COINVOLGIMENTO IN BOMBA ISTANBUL

Loading

Nel giorno dell’annuncio di una nuova tregua unilaterale fino alle elezioni del 2011, il PKK ha anche sottolineato di non aver nulla a che fare con l’attacco di domenica 31 ottobre a Istanbul. Domenica mattina verso le 10.30 una bomba (probabilmente portata dall’attentatore, rimasto ucciso) è esplosa nel cuore di Istanbul, la piazza Taksim. La bomba è probabilmente esplosa prima del previsto, uccidendo l’attentatore e ferendo 32 persone,  17 civili e 15 poliziotti. A Taksim infatti c’è la guardia d’onore della polizia al monumento al fondatore della patria, Mustafa Kemal Ataturk.
Nessuno ha rivendicato l’attentato, e lo stesso governo è stato molto cauto nelle sue dichiarazioni e ha evitato di attribuire responsabilità dell’attentato a questo o quel gruppo. Del resto il cessate il fuoco del PKK terminava proprio ieri, ed era oggettivamente poco verosimile che i guerriglieri kurdi avessero programmato un attentato quando ancora nei fatti la tregua non era finita.

 


Related Articles

ANCORA MANIFESTAZIONI, ANCORA TORTURE

Loading

Migliaia di persone sono sfilate oggi per le vie di Pamplona, convocate dalle associazioni e partiti che hanno sottoscritto ‘Accordo

ARMI NUCLEARI USA IN TURCHIA

Loading

I dispacci riservati americani pubblicati da Wikileaks portano una conferma che ha messo in fibrillazione i media della Mezzaluna: sul

ETA DISPOSTA A VERIFICA INFORMALE DELLA TREGUA

Loading

Euskadi Ta Askatasuna (ETA) ha dichiarato in un comunicato di essere pronta “ad accettare un meccanismo di verifica informale” del

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment