Cercano di strangolare RojTV

L’operatore satellitare europeo Eutelsat Communications ha deciso di vietare il canale televisivo kurdo in esilio, Roj TV, cedendo così alle pressioni della Turchia, campione per le violazioni dei diritti dell’uomo. Tale decisione di Eutelsat la cui sede sociale si trova a Parigi rivela la complicità della Francia nella repressione anti-kurda. Questa società, sotto la giurisdizione degli stati europei, prende una decisione ingiusta e arbitraria, cosa che si era ben guardata di fare la giustizia danese nel quadro del processo intentato contro Roj TV, nonostante le enormi pressioni che gli erano state fatte dalla Turchia, gli Stati uniti e tutti i paesi europei membri della NATO. Noi esprimiamo tutta la nostra contrarietà nei confornti dell’accusa di « terrorismo ». Tutte le famiglie kurde si sentono insultate. Roj TV non ha mai fatto apologia criminale. Roj TV, è la voce del popolo kurdo che esprime tutte le sofferenze, tutte le inquietudini, tutte le battaglie, ma anche tutte le speranze. E’ un popolo tutto che è sintonizzato 24 ore su 24 su questo canale a Diyarbakir, nel Kurdistan settentrionale (Turchia) come nel Kurdistan meridionale (Irak), in tutta la diaspora, in Europa come nel resto del mondo. Roj TV, è la voce della speranza e della libertà. La Turchia, che mette il bavaglio a tutti i mezzi d’informazione, che ha chiuso in prigione un centinaio di giornalisti, una cinquantina di avvocati, oltre a deputati, sindaci, migliaia di militanti ed esponenti della società civile, non poteva sopportare la libertà d’espressione del popolo kurdo. E’ da biasimare che la Francia, l’Europa, portino per ragioni economiche un sostegno a questo stato totalitario che non rispetta la libertà d’espressione. Noi ci appelliamo al popolo francese, a tutte le organizzazioni democratiche, agli eletti politici e ai candidati alla presidenza della Repubblica francese affinché condannino una tale decisione e prendano la difesa di un popolo di cui si vuole negare la stessa esistenza. Il popolo kurdo non si lascerà strangolare.
Federazione delle associazioni kurde in Francia


Related Articles

I PURI – Iñaki Egaña

            Avevo pensato titolare questo articolo con la definizione che si diede un gruppo nato

46 giornalisti kurdi e di sinistra in carcere

Le parole pronunciate qualche giorno fa dal ministro della giustizia turco Sadullah Ergin, assumono oggi un significato particolarmente sinistro, alla

LA TERRA RESTITUISCE I NOSTRI FIGLI

Per la 356 volta le Madri del Sabato riunite davanti l’alta scuola Galatasaray, nel cuore di Istanbul hanno organizzato un sit-in per chiedere giustizia per i loro cari che sono stati rapiti e fatti sparire dagli organi della gendarmeria o uccisi da ‘killer sconosciuti’. Le madri nei loro discorsi hanno ricordato che i resti dei

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment