Resistance in Sur: Workers find body during excavation work

Resistance in Sur: Workers find body during excavation work

A body believed to belong to a person killed by the Turkish state during the autonomous-government resistance in 2015 was found in the borough of Sur, in Amed.

Speaking to Welat Newspaper on condition of anonymity an employee of a company working in Sur said that they found a “body wrapped in a white cloth” during the excavations carried out on 5 February in the area between the Catholic Church and Hasırlı Mosque.

He added that the police came to the scene and ordered the workers out of the area, which was then cordoned off. The worker said that Forensic Medicine Institution teams were called and the body was removed by the police two hours later.

The body is believed to belong to a person who lost his life during the massacres carried out under the name of “curfew” by the state on 2 December 2015 while attacking the against the autonomous-government resistance in Sur. The resistance in Sur lasted 106 days.

The body recovered has not been identified yet, but it is said that it could be the body of Hakan Arslan, who lost his life on 22 January 2016 and was buried in Hasırlı Mosque. His family has been searching for the body of their son for five years.

The applications of the family, who came to Amed dozens of times to search for his body, have always been rejected.



Related Articles

SULLA “TRANSIZIONE” IN TUNISIA ED EGITTO – Gorka Larrabeiti

Rebelion. Vedendo quello che sta avvenendo in Egitto uno ha la sensazione del dejà vu in Tunisia. Martiri che si

NUOVI ARRESTI CONTRO SEGI

Ennesima operazione di polizia contro l’organizzazione giovanile basca SEGI, ordinata dal giudice dell’Audiencia Nacional, Grande Marlasca. Dal novembre dell’anno scorso

KURDISTAN SENZA TREGUA

Torna sulle prime pagine dei giornali il conflitto kurdo-turco. I 26 (o 24 a seconda delle fonti) militari turchi morti in una serie di attacchi simultanei sferrati dai guerriglieri del PKK contro diversi obiettivi delle forze di sicurezza nella zona di Hakkari hanno fatto gridare a una nuova recrudescenza del conflitto. In realtà la guerra non è mai cessata, le operazioni dell’esercito turco non sono mai diminuite. Anzi, da agosto si susseguono bombardamenti in tutta la zona al confine con Iraq e Iran e spesso e volentieri gli F-16 turchi sono entrati nel Kurdistan iracheno colpendo non tanto o non solo le basi del PKK (il Partito dei Lavoratori del Kurdistan) ma soprattutto villaggi facendo molte vittime civili di cui nessuno parla.

Gli attacchi di ieri hanno suscitato reazioni molto forti, comprensibilmente. A parte il presidente della repubblica, l’islamico Abdullah Gul, che ha promesso “vendetta” e altro sangue, è stato il BDP (Partito della Pace e Democrazia), cioè il partito dei kurdi a fare la prima dichiarazione. “Basta – si legge nel comunicato – con la guerra. E’ tempo che le armi tacciano e si realizzino le condizioni per favorire la pace”. Parole che il BDP va ripetendo da anni ormai. In questo sostenuto dal PKK che (è bene ricordarlo) ha osservato un cessate il fuoco unilaterale fino al 15 giugno di quest’anno. Cioè fino a dopo le elezioni politiche che hanno visto kurdi e sinistra turca eleggere ben 36 deputati al parlamento turco. Quello che è successo dopo questo risultato serve a contestualizzare anche l’attacco di ieri, al quale i turchi hanno risposto con una nuova offensiva aerea in nord Iraq.

Uno dei 36 deputati, Hatip Dicle (in carcere), è stato privato del suo mandato per un ‘reato’ (lui che era già stato deputato con Leyla Zana e aveva già fatto 10 anni di carcere) di natura ‘terroristica’. Cinque deputati sono attualmente in carcere. Al giuramento, dopo un boicottaggio durato tre mesi e mezzo, si sono presentati in 30. Da marzo a oggi sono finiti in carcere qualcosa come ottomila tra amministratori locali kurdi, attivisti per i diritti umani, militanti del BDP con l’accusa di essere in qualche modo legati al PKK. Dal 2009 (anno della vittoria dei kurdi alle amministrative) sono sotto processo oltre quattromila politici kurdi. Dal 27 luglio il presidente del PKK Abdullah Ocalan (in carcere dal 1999 sull’isola di Imrali) non può vedere i suoi avvocati. Un divieto imposto dopo che per mesi uomini del premier Recep Tayyip Erdogan hanno incontrato il leader kurdo per concordare “protocolli di pace” poi gettati nel cassetto.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment