BOMBA A CASERMA ESERCITO INGLESE IN NORD IRLANDA

Loading

Una grossa bomba è esplosa questa mattina, lunedì, davanti alla caserma dell’esercito inglese di Holywood, a est di Belfast, in nord Irlanda. L’esplosione è stata fortissima. L’attacco è stato rivendicato da Real Ira, un gruppo fuoriuscito dall’Ira perchè in disaccordo con il processo di pace. L’attentato giunge dopo il comunicato rilasciato a pasqua dall’Oglaigh na hEireann (Ira) che auspicava un’escalation nella lotta contro gli inglesi.   Proprio oggi ci sarà la consegna dei poteri sulla giustizia e polizia da Londra a Belfast, all’assemblea per il nord Irlanda.

 


Related Articles

Turchia: fosse comuni nella regione kurda

Loading

 

 

Newala Kasaba, due parole che il popolo kurdo ha in testa come se fossero state scolpite nella loro mente. E in effetti è così. Newala Kasaba concentra in sé la maggior parte di ciò che è stata la guerra sporca contro il popolo kurdo. Newala Kasaba è un ampio campo collinare, alla periferia immediata di Siirt. Potrebbe essere una discarica. E infatti si possono trovare immondizie. Ma basta camminare a piedi per pochi metri per capire che questa terra nasconde qualcosa di più raccapricciante e orribile. Come sacchi della spazzatura, stanno venendo a galla, però non contengono spazzatura. Pezzi di vestiti rivelano ciò che è veramente nascosto sotto questi campi. La gente di Siirt conosce da molto tempo quale verità è stata sepolta qui per essere occultata ancora una volta, nelle intenzioni di coloro che commisero l’orrendo crimine di rapire gente, torturarla, ucciderla e infine scaricare e seppellire i loro corpi come fossero spazzatura. Newala Kasaba è un enorme cimitero, un cimitero dove sono stati sepolti gli orrori della guerra dello Stato turco contro i kurdi. Ma la verità non può essere sepolta per sempre. E infatti coloro che sono stati sepolti stanno lottando per uscire, per ricordare a tutti gli orribili, crudeli crimini commessi dallo stato turc
Si dice che più di 100 corpi sono sepolti a Newala Kasaba. Alcuni dicono che potrebbero essere anche 200. Tra questi si dice sia qui anche uno dei fondatori del PKK (Kurdistan Workers Party), Mahsun Korkmaz.

Banksy: quando i graffiti sbarcano al cinema

Loading

Anche i writers scrivono e lasciano segni di paci possibili sui muri, treni, fabbriche dismesse delle nostre città. Banksy passa

Belfast Mayor: Everybody must contribute to a peace with justice

Loading

Donostia. Sinn Fein mayor of Belfast, Máirtín Ó Muilleoir, opened on Thursday the international conference “Building Peace Starting at Local Level” organised in Donostia/San Sebastian (Basque Country) by the Donostia city council.

How municipalities can turn peace and reconciliation work into something genuinely lasting?

We must build peace with justice, and that’s a job for everyone. Sometimes big governments talk of peace, but they actually work very little for it. So you have to work for peace with the people, the communities, cities, nations. In Belfast I believe we are all connected .

You said at the opening of the Donostia’s conference that your Belfast has changed a lot after the Good Friday agreement of 1998. How?

Fifteen years have passed. The first time I walked in the Belfast City Council as a councillor it was in 1987, and back then peace was a project. The big change since the 1994 IRA permanent ceasefire is that now in our city there is no more war. The end of the years of conflict has brought many benefits and some of them are related to the 1998 peace agreement. Now we have a government that is just and in which all parties are represented. Peace itself is rewarding, but sometimes it presents many challenges. It has brought improvements in labor, industry, tourism … this is a great reward for those who support the peace process, but I think there is work which still needs to be done and to be consolidated.

The clash between two communities was much harder in Ireland than in the Basque Country, for example. How do you transform all that negative energy into a positive one?

Although the intensity of the conflict was greater, the Basque Country’s conflict is also a great shadow for Europe. There have been many years of political conflict here, many people lost their lives. I think we should be positive all the time and always see the glass half full if we want peace to win. But peace requires progress, and I know the great difficulties there are in Euskal Herria. However, those who believe in peace achieved democratically, rather than violence, will be rewarded. In Belfast we follow that path to political change and get more benefits for our people. Time will help peace prosper, and even if a political segment is against peace, I think we will find more and more people interested in this cause.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment