SINISTRA INDIPENDENTISTA-EUSKO ALKARTASUNA, ACCORDO STORICO

In un editoriale del quotidiano basco Gara, Inaki Iriondo definisce l’accordo sottoscritto, tra sinistra indipendentista ed Eusko Alkaratuna,  ieri nel  Palazzo Euskalduna di Bilbao, come “l’incontro tra dure rami distinti dell’indipendentismo”.  Ed infatti la data ieri può essere considerata storica perché conferma un movimento strategico che mai si era verificato nel panorama dei partiti politici baschi. EA rappresenta un settore del nazionalismo storico nato da una scissione del PNV nel 1986 dopo che lo scontro interno al nazionalismo storico aveva portato il primo partito democristiano al mondo a sottoscrivere un patto di legislatura con il PSOE per governare la CAV. EA si è sviluppato elettoralmente con una crescita esponenziale fino all’inizio degli anni 90 per poi registrare una lenta ma costante caduta di consenso. Il suo riferimento politico è  la socialdemocrazia e il diritto all’autodeterminazione anche se nel partito hanno prevalso per molti anni i settori legatati ai poteri economici locali soprattutto nella Guipuzkoa dove EA ha registrato sempre i maggiori consensi. Un partito ancorato alla visione autonomista e di gestione dell’ autonomia. Fondato dal primo presidente della CAV, Carlos Garaikoetxea, ha avuto anche il primo direttore della Accademia della Etrtzanza la polizia autonoma basca che storicamente ha colpito duramente la sinistra indipendentista. In Guipuzcoa, EA strinse accordi elettorali con il PNV nel 1999 per impedire che la sinistra indipendentista diventasse la prima forza politica della provincia. Insomma una forza politica che è stata in forte competizione con la sinistra indipendentista

E’stato a partire dall’ Accordo di Lizarra Garazi (1998) e più recentemente negli incontri del  2008 e con il congresso straordinario del partito del 2009, dove ci fu la scissione di Hamaikabat del ex presidente della provincia della Guipuzcoa, Eli Galdos,  che ha scelto la strada della confluenza indipendentista e progressista suggellata dall’ accordo di ieri. Indubbiamente  a spianare la strada di questo accordo, che ha un potenziale ben maggiore che la somma di due sigle politiche, sono stati i movimenti interni alla sinistra indipendentista concretizzatisi con il manifesto Zutik Euskal Herria, sul quale ha influito l’analisi della società basca e la necessita conseguente  di un processo politico per la sovranità  e di cambio sociale attraverso un punto di mediazione e convergenza con altri settori politici  baschi. E’ un accordo questo che non nasce dal nulla. Soprattutto sono state le forze sindacali basche ELA e LAB nel ormai lontano 1995, con la firma del “manifesto per l’autodeterminazione” ha indicare la strada per dare espressione  ad una ampio settore sociale basco che rivendica storicamente una sovranità politica ed la giustizia sociale per  Euskal Herria. Che nel documento sottoscritto dalle due formazioni politiche ieri a Bilbao si faccia particolare menzione al movimento sindacale, riconoscendo comunque la “totale autonomia” è significativo. Questo accordo ha già fatto reagire il poteri politici spagnoli che hanno riaffermato una politica di immobilismo nei confronti di questa nuova realtà politica. PSE e PP hanno insistito nel evidenziare che nel documento “non c’è menzione ad ETA” “suicidio politico di EA” “messa in scena” “Lo stato deve mantenere la stessa strategia di fermezza” in riferimento alle politiche repressive contro la sinistra indipendentista . Del resto una iniziativa come questa quella manifestasi ieri a Bilbao di carattere democratico non può che preoccupare Madrid. Perché “pur riconoscendo le differenze nella traiettoria, posizioni e orizzonti specifici, crediamo che è tempo di dare priorità ad impegni convergenti ed avanzare verso gli obiettivi e le necessità della maggioranza della società basca”, significa un’impegno preciso per dare voce ad una società troppo spesso chiamata in causa ma la cui opinione sul proprio futuro “senza violenza nel ingerenze” non è masi stata presa in considerazione.

Per leggere il documento sottoscritto da Eusko Alkartasuna e Sinsitra Indipendentista clicca qui


Related Articles

IRAQ AL VOTO TRA LE BOMBE

Almeno 30 persone sono rimaste uccise in tre diversi attentati a Baquba. L’Iraq va alle urne il 7  marzo e il rischio della guerra civile si fa sempre più reale. Di guerra civile parla apertamente la tink tank belga International Crisis Group che sottolinea come le istituzioni irachene siano ancora estremamente deboli e se dopo le elezioni non si riuscisse a formare un governo è chiaro che i rischi di una degenerazione del conflitto aumenterebbero.  
Anche il Kurdistan iracheno va alle urne il 7 marzo. La campagna elettorale si è aperta ufficialmente il 12 febbraio. Ma è stata tragicamente anticipata dall’omicidio, a Mosul, di Suha Abdul Jarallah, candidata nella lista dell’ex primo ministro, Iyad Allawi.
La tensione è già molto alta perché all’inizio di febbraio il tribunale d’appello formato da sette giudici ha deciso di posticipare tutte le squalifiche dei candidati sostenendo che non c’era il tempo per verificare le prove contro i candidati stessi. Dopo il rovesciamento di Saddam Hussein solo candidati che non hanno avuto commistioni con il partito Baath possono infatti partecipare alle elezioni. Due giorni dopo questo primo verdetto, tuttavia, il tribunale ha ripreso le udienze dopo che il primo ministro Nuri Kamal al-Maliki si è incontrato con alcuni parlamentari e con il presidente del Consiglio Supremo della magistratura, Medhat al-Mahmoud. Maliki e gli altri hanno denunciato la prima sentenza della corte che aveva così ripreso le udienze di appello contro numerosi candidati. Questa rapida retromarcia è “il segnale delle forti pressioni esercitate sui giudici che stanno nel bene e nel male cercando di navigare (spesso a vista) nel caos che è il processo di de-baathtificazione”, ha commentato Reider Visser dell’Istituto norvegiano per gli affari internazionali.

 

No return to the status quo, writes Gerry Adams

The anti-equality approach of the DUP, supported by the British government, has seen the shutters effectively pulled down on this

ANCORA MANIFESTAZIONI, ANCORA TORTURE

Migliaia di persone sono sfilate oggi per le vie di Pamplona, convocate dalle associazioni e partiti che hanno sottoscritto ‘Accordo

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment